closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

In Germania la prima fonte di energia del Paese rimane il carbone

Rincaro bollette . I kilowatt prodotti da combustibili fossili sono aumentati del 21% fino a rappresentare il 56% del totale. Il gasdotto Nordstream 2 è pronto. Verdi e liberali contrari, una grana per Scholz che aspira alla coalizione semaforo

La governatrice del Meclemburgo-Pomerania occidentale, Manuela Schwesig (Spd), presso la stazione di atterraggio del gas Nordstream 2

La governatrice del Meclemburgo-Pomerania occidentale, Manuela Schwesig (Spd), presso la stazione di atterraggio del gas Nordstream 2

Fabbriche costrette a produrre a singhiozzo, black-out delle centrali sempre più frequenti e bolletta domestica del gas più cara del 25% rispetto all’anno scorso. Le previsioni degli esperti sull’impatto della crisi energetica in Germania sono catastrofiche, e i due salvagenti a cui Berlino sperava di aggrapparsi sono ancora sgonfi: il controverso gasdotto russo-tedesco Nordstream 2 nella migliore delle ipotesi entrerà a regime la prossima primavera, sempre che Verdi e liberali non ottengano la sua «moratoria» dalla Spd al tavolo dei negoziati per il governo “Semaforo”, e il boom delle rinnovabili si è spento come certifica l’ultimo rapporto dell’Ufficio federale di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.