closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In Algeria parlamento sciolto e attivisti graziati

La mossa presidenziale. Gesto forte di Tebboune: «Hanno salvato il Paese». Torna libero anche il reporter Khaled Drareni. E a giugno si vota «per rinnovare l’attuale classe politica, coinvolgendo di più i giovani»

Il giornalista Khaled Drareni dopo il rilascio

Il giornalista Khaled Drareni dopo il rilascio

Giovedì sera in un discorso televisivo alla nazione - con l’obiettivo anche di mostrare agli algerini di essere in buona salute, nonostante i due ricoveri di questi mesi in Germania per complicanze da Coronavirus – il presidente algerino Tebboune ha decretato la grazia per diverse dozzine di detenuti dell’Hirak ed ha annunciato la sua decisione di sciogliere il Parlamento per elezioni anticipate (previste per giugno), con un rimpasto dell’attuale governo per questo periodo di transizione. «L’Hirak ha salvato la nostra nazione (…) per questo, con la convinzione di aver colto le sue principali istanze, ho deciso di concedere la grazia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi