closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Il Fondo Monetario Internazionale vota «Sì» al referendum costituzionale

Nell'urna. «L’esito della consultazione in autunno condizionerà investimenti e crescita». Continuano i tentativi di costruire un cordone sanitario attorno al governo Renzi. Dopo il Financial Times e l'Economist, scendono in campo i pesi massimi dell'economia globale

la direttrice dell’fmi, Christine Lagarde

la direttrice dell’fmi, Christine Lagarde

Il tentativo di costruzione di un cordone sanitario attorbno a Renzi e alla sua periclitante impresa di restare a Palazzo Chigi dopo il referendum costituzionale prosegue intensa sul fronte internazionale. Dopo la campagna mediatica, iniziata sulle colonne del Financial Times, Wall Street Journal e Economist è arrivato il turno dei «pesi massimi». Presentando alla mezzanotte dell’altro ieri i dati sull’economia italiana - con il devastante vaticinio di una recessione ventennale - il Fondo Monetario Internazionale ha espresso il suo voto al referendum costituzionale in autunno: sarà un «Sì» nel rispetto della sovranità degli italiani a cui «spetta di decidere sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.