closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il detenuto che si fa garante

Scaffale. «Ferro batte ferro» di Pino Roveredo, per Bottega Errante Edizioni. La storia di un ragazzo entrato in carcere minorenne e oggi «voce» di chi è privato della propria libertà

A quasi 63 anni, in tutta Italia è l’unico ex detenuto a ricoprire il ruolo di «garante per le persone private della libertà personale». Contrariamente alle anime belle della pubblicistica più o meno accademica, a Pino Roveredo l’incarico della Regione Friuli restituisce giustizia e libertà. Lui ha quasi tatuata la data del 22 agosto 1972, quando ancora minorenne diventa «figlio del carcere». E da scrittore e operatore sociale (non solo nella sua Trieste) ha pubblicato un libro davvero speciale: Ferro batte ferro (Bottega Errante Edizioni, pp. 112, euro 13). «IL CARCERE è un marchio che non puoi cancellare dalla pelle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.