closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Il costo umano dell’accordo Viminale-tribù del Fezzan»

Intervista/Libia. Angelo Del Boca, storico del colonialismo italiano ed esperto di Libia: «Li armiamo per fermare i migranti su un confine di 5mila km. Nella Libia del sud la "riconciliazione" garantita dall’Italia è assai fragile, a Tripoli il premier Sarraj vive sotto assedio»

Tripoli, la cattura e lo smistamento dei migranti

Tripoli, la cattura e lo smistamento dei migranti

A Angelo Del Boca, storico del colonialismo italiano ed esperto di Libia, con all’attivo decine di saggi e monografie sulla storia libica e su Gheddafi, abbiamo rivolto alcune domande sul cosiddetto «accordo di pace» firmato al Viminale venerdì scorso, con diretta supervisione del ministro Minniti, tra le tre tribù del Fezzan, Awlad Suleiman, Tebi e Tuareg. Secondo il ministro Minniti che governare il sud della Libia significa controllare e governare le rotte migratorie dell’Africa. Che ne pensa? L’affermazione sarebbe quasi esatta. Dico quasi perché i flussi migratori non sono solo quelli che provengono dal sud della Libia. In Africa purtroppo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi