closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Il collegio uninominale per una buona riforma

È necessario ripensare le forme e gli strumenti della rappresentanza politica, anche alla luce del risultato chiaro del referendum costituzionale. Dopo avere per anni propagandato le virtù di una democrazia maggioritaria in salsa italiana, del tutto sconosciuta nell’applicazione manichea che ne hanno dato i suoi laudatori nel nostro paese, bisogna riconoscere che la conseguenza più importante del voto referendario, soprattutto in chiave programmatica, è la riscoperta della necessità di una rappresentanza piena, efficace, sostanziale delle molteplici manifestazioni della società italiana. Il sistema politico italiano non soffre – come continuano a pensare incredibilmente alcuni dei sostenitori renziani raccolti al Lingotto torinese...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.