closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I tre virus dei rifugiati in Libia: corona, fame e schiavitù

Africa. L'Unhcr sospende le attività per mancanza di attrezzature protettive. Partenze verso l’Europa sono sospese, i centri di detenzione troppo affollati. Cresce la paura tra i richiedenti asilo

Un centro di detenzione per rifugiati in Libia

Un centro di detenzione per rifugiati in Libia

In Libia si sta scherzando con il fuoco. Non bastava la guerra civile che dura da un anno e che vede contrapposti il Governo di accordo nazionale libico (Gna) e l’Esercito nazionale libico (Enl). Ora a far paura è anche la diffusione del coronavirus. Se finora è stato registrato solo un caso positivo, è pur vero che questo dato lascia più di qualche dubbio dato che la Libia non ha strumenti idonei per rivelare i contagi. Se il numero di infettati dovesse crescere, il disastro umanitario sarebbe scontato: il sistema sanitario libico è al collasso dopo anni di guerra, mancanza...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.