closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

I dannati di Las Palmas

Canarie. Al largo del Sahara occidentale, un gruppo di marinai dei paesi del’Est e africani è abbandonato senza salario dopo mesi in mare, truffato da armatori insolventi o mafiosi

Seduto nel suo ufficio, il capitano cubano Pedro Leyva muove un pedone sulla scacchiera elettronica, illuminata dalla luce che filtra dall’oblò. Attorno a lui, nei corridoi, sulle scale di metallo e fin giù nelle cantine, il silenzio si annida nella ruggine, simbolo di una vecchia diserzione. Ancorata fra due piroscafi nel porto commerciale di Las Palmas, isole Canarie, la petroliera Iballa giace in abbandono da tre anni e mezzo. Incapace di onorare i propri debiti e di pagare l’equipaggio, l’armatore è sparito. E i marinai, senza salario, sono andati via. Salvo uno. Leyva, 68 anni, privo di mezzi, ultimo occupante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.