closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gli Usa riconoscono il genocidio armeno, un segnale forte per Erdogan

L'annuncio previsto per oggi. Il 24 aprile non è una data scelta a caso, ma una sorta di giorno della memoria, l'inizio del massacro di oltre cento anni fa. La Turchia avverte: così otterrete solo un deterioramento nei rapporti diplomatici

Vertice Usa-Turchia nel gennaio 2016, quando Biden era vice-presidente

Vertice Usa-Turchia nel gennaio 2016, quando Biden era vice-presidente

Più di un secolo dopo lo sterminio di un milione e mezzo di armeni da parte delle truppe dell’allora Impero Ottomano, l’attuale presidente americano Joe Biden riconoscerà che si trattò di genocidio. La notizia, rivelata a metà settimana dal New York Times che citava «fonti ufficiali interne all’esecutivo» ha fatto in breve il giro del mondo suscitando reazioni opposte e grande attesa per il discorso previsto oggi. Se da un lato il ministro degli Esteri armeno ha dichiarato che «non si tratta di Armenia e Turchia ma del nostro obbligo di riconoscere e condannare i genocidi del passato, del presente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.