closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Gaza: a che serve l’Europa?

Deserto morale. L'impotenza, peggio l'indifferenza, dei gruppi dirigenti dell'Unione europea, ragionieri ingobbiti a fare i conti del Pil, di fronte al massacro del popolo palestinese

A che serve questa Europa? Ce lo siamo chiesti in tanti, in questi ultimi anni, nei momenti di scoramento, di fronte all’ottusa rigidità con cui i vertici di Bruxelles affrontano i problemi economici e finanziari dell’Unione sotto l’imperversare della crisi. Ce lo siamo chiesto di fronte all’atteggiamento della Germania, che torna a perseguire con altri mezzi una politica di supremazia, nonostante abbia alle spalle la disfatta di due guerre mondiali, la responsabilità recente del più grande massacro dello storia.

Continuiamo a chiedercelo avendo rinunciato alla moneta e a tanta parte della nostra sovranità nazionale, senza aver conseguito un più solidale e includente governo del Continente.

Ma in questi giorni torniamo a chiedercelo per una ben più tragica ragione. L’impotenza, peggio l’indifferenza, dei gruppi dirigenti dell’Ue, ragionieri ingobbiti a fare i conti del Pil, di fronte al massacro del popolo palestinese.

Non una parola, una proposta, un tentativo di soluzione è stato balbettato dagli uomini di stato dei vari paesi europei, che da decenni tengono in deposito i loro cervelli presso la Segreteria di Stato di Washington. Ma non sono sufficienti i mille morti di Gaza, in grandissima maggioranza civili incolpevoli, fra cui tante donne e bambini, per sollevare gli occhi dagli affari e guardare in faccia la tragedia? A che serve questa Europa senza pietà?

Angelo D’Orsi ha denunciato con giusto sdegno il silenzio e il «rovescismo» degli intellettuali (il manifesto del 22/7 ), su cui pesano gravi responsabilità, avendo il compito di spiegare le ragioni complesse del conflitto. Ma anche le opinioni pubbliche del Vecchio Continente appaiono come narcotizzate. Gli europei osservano in tv le immagini del massacro – quelle pietosamente depurate da ciò che è inguardabile – le case distrutte, le donne vestite di nero pietrificate dal dolore, i bambini sanguinanti tra le braccia dei padri disperati. E tacciono. Che cosa è accaduto? Quale sguardo di medusa ha gelato le loro menti? A che serve questa Europa?

Forse una parziale spiegazione è alla nostra portata. I dirigenti di Israele sono riusciti a imporre grazie ai media occidentali – rare volte capaci di una parola di verità – l’immagine di un conflitto alla pari, di due contendenti in lotta con uguali torti e ragioni. Addirittura la propaganda militare dell’esercito israeliano viene trasformata in verità autorevole da prestigiosi intellettuali, i quali, per mestiere, dovrebbero pensare alle parole prima di liberarle nell’aria. In una intervista apparsa su Le Figaro e ripresa da Repubblica (27 luglio) il filosofo francese Alain Finkielkraut rammenta che «se la civiltà dell’immagine non stesse distruggendo la comprensione della guerra, nessuno sosterrebbe che i bombardamenti sono rivolti contro i civili. No, gli israeliani avvertono gli abitanti di Gaza dei bombardamenti che stanno per fare».

Siamo dunque ai bombardamenti umanitari. Nessuna considerazione per la distruzione delle case di tanta misera gente, delle infrastrutture idriche, delle strade, degli elettrodotti, delle scuole, degli ospedali, del poco bestiame, dei poveri orti. Nessun rammarico per centinaia di migliaia di esseri umani gettati in pochi giorni in una distesa informe di rovine. Ma il filosofo non sa e probabilmente non vuol saper che gli sms annunciano i bombardamenti con pochi minuti di anticipo, che spesso le famiglie sono immerse nel sonno, che i bambini dormono ignorando la ferocia degli adulti e tardano a svegliarsi, che i disperati non sanno dove rifugiarsi una volta lasciate le loro case. E tuttavia il filosofo ha una risposta a questa obiezione: «E quando mi dicono che queste persone non hanno un posto dove andare, rispondo che i sotterranei di Gaza avrebbero dovuto esser fatti per loro. Oggi ci sono delle stanze di cemento armato in ogni casa d’Israele». A che serve questa Europa se i suoi intellettuali si mettono il doppiopetto di tanta incosciente ferocia?

Forse qualcuno dovrebbe ricordare a Finkielkraut un po’ di storia. Dovrebbe ricordare che i palestinesi non sono un moderno stato, come Israele, dotato di uno dei più efficienti eserciti del mondo, sostenuto con ingenti aiuti da tutto l’Occidente. Sono un popolo disperso di rifugiati, cacciati dalle loro terre, perseguitati talora dai popoli vicini, umiliati dalla violenza quotidiana dell’occupante. I tunnel sotterranei sono serviti ai palestinesi per ricevere cibo e medicinali e per attivare un mercato clandestino, visto che ben presto Gaza è stato trasformata dai governanti israeliani nel più grande ghetto della nostra epoca. Certo, anche le armi passano nei sotterranei, ma ci si può stupire di questo? Israele dispone di un armamento atomico e si levano strida al cielo perché gruppi e fazioni di un popolo martoriato da otre 60 anni tenti la carta disperata delle armi?

I palestinesi dovevano dunque investire in bunker per difendersi dall’immancabile castigo dal cielo, dal mare e dalla terra come già è accaduto con la carneficina della campagna «Piombo fuso» del 2008/09? Con quale onestà, con quale dignità intellettuale si possono mettere sullo stesso piano due opposti estremismi? Possibile che nessun commentatore, nessun giornalista ricordi che sono stati i governanti di Israele, è stato Ariel Sharon a lavorare alacremente per sconfiggere l’Autorità Nazionale Palestinese e gettare il popolo palestinese in braccio ad Hamas? Chi ha disfatto gli accordi di Oslo, chi ha inaugurato la pratica di sparare dal cielo con gli elicotteri Apache e con i caccia F-16, chi ha esteso gli insediamenti dei coloni nei territori palestinesi, chi ha avviato nel 2002 la costruzione del «muro di sicurezza» in Cisgiordania, chi ha risposto ad ogni provocazione terroristica proveniente da Hamas con una violenza dieci volte superiore, ma rivolta contro le forze e gli edifici di Yasser Arafat?

Chi ricorda le immagini del vecchio leader umiliato davanti al suo popolo, reso impotente agli occhi del mondo, rifugiato nelle rovine del suo quartier generale nel settembre del 2002? Chi ricorda le cronache quotidiane di quell’inizio di millennio con l’altalena di attentati terroristici da una parte – che sembravano ispirati dallo stesso Israele, tanto gli tornavano vantaggiosi – e bombardamenti arei, la «punizione esemplare» dall’altra?

Sharon e la destra israeliana hanno perseguito sistematicamente la distruzione delle rappresentanze moderate del popolo palestinese per far trionfare l’estremismo indifendibile di Hamas. Come avrebbe potuto questa formazione vincere le elezioni del gennaio 2006, se non dopo l’umiliazione di un intero popolo, se non dopo che Israele ha mostrato ad esso che le politiche di mediazione dell’Anp non portavano a nulla?

Ma questo è uno dei maggior delitti compiuti dai governanti israeliani negli ultimi anni: l’avere fatto identificare agli occhi del mondo i diritti violati e le immani sofferenze di un popolo con le velleità impotenti di Hamas.

A che serve questa Europa se i suoi intellettuali non sanno pensare con sguardo storico, se si fermano all’oggi, se non gettano luce sulle cause vicine e lontane dei problemi, se sono così proclivi a credere alla favola del lupo, costretto a bere l’acqua sporcata dall’agnello?

Guardando al mondo dissipatore e violento costruito dai potenti negli ultimi decenni, George Steiner si è lasciato sfuggire, pochi anni fa, un timore apocalittico. «Può darsi – ha scritto – che tutto finisca in un massacro» Un bagno di sangue generale e definitivo. A questo desolato timore noi oggi, di fronte al deserto morale di un intero continente, possiamo associare una eventualità certa: in quel caso gli intellettuali europei, prima di sparire, troveranno una rassicurante spiegazione per tutto.
A che serve questa Europa?

  • Giusoppo

    giusto per chiarire le imprecisioni fuorvianti dell’articolo propagandistico

    gli accordi di Oslo firmati da Arafat e per cui morì Rabin furono approvati dalla Knesset 10 giorni dopo che erano stati siglati. non furono mai approvati da parte palestinese. si parla del 93. furono gli estremisti del suo popolo a umiliarlo, prima dei dirigenti dello stato contro cui era in guerra. se non sono un moderno stato, anzi nemmeno uno stato lo devono ad Hamas e alla Jihad islamica.

    Hamas non mostra l’intenzione di rispettare una tregua di ORE neanche quando la propone, nonostante Israele smetta i raid durante i cessate il fuoco i lanci di missili non si interrompono mai: una tregua, una interruzione dei raid, sarebbe nell’interesse dei palestinesi che Hamas dice di voler proteggere. Li vuol proteggere a tal punto che li invita a salire sui tetti dei palazzi indicati come bersagli per far fare loro da scudi umani a protezione delle postazioni missilistiche.

    Sharon operò il totale ritiro da Gaza nel 2005, l’elezione di Hamas e l’embargo risalgono al 2007.

    Ma soprattutto, cosa dovrebbe fare l’Europa? prendere la parte dei palestinesi e dire che il torto è tutto da parte israeliana? Dire (in coro con Hamas e manifesto) che Israele non ha diritto di esistere? L’Europa è rappresentata dall’intervista di un filosofo, che esprime concetti legittimi, seppur criticabili? Ulrich Beck che pure è stato intervistato mostrando posizioni equidistanti, e le cui parole sono state riportate da Repubblica come quelle di Finkielkraut è accettabile? E’ anche lui “l’Europa” o è solo Finkielkraut?

    Si badi: se l’articolo vuole criticare l’Unione per non avere una voce chiara, unica, di un soggetto forte in grado di dialogare in ambito internazionale, sono il primo a sposarne la tesi; ma se quello che si richiede (come penso) è un supporto a una sola delle parti, beh, continuate a manifestare, non state servendo la causa di nessuno se non la vostra