closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Fuoco in un ristorante a Erbil, ucciso un diplomatico turco

Kurdistan iracheno. L’aggressore è fuggito. Chiuse le strade che portano fuori dalla capitale curdo-irachena. Nessuna rivendicazione ma la stampa punta al Pkk, target dei raid di Ankara a Qandil. Il movimento curdo nega

Il luogo della sparatoria, il ristorante HuQQabaz tra i quartieri-vetrina di Dream City ed Empire, a Erbil

Il luogo della sparatoria, il ristorante HuQQabaz tra i quartieri-vetrina di Dream City ed Empire, a Erbil

Spari in un ristorante, due morti e un ferito e poi la fuga dell’aggressore: è successo ieri alle 14.30 ora locale a Erbil, capitale del governo regionale del Kurdistan iracheno (Krg). Tra le vittime un civile iracheno e un diplomatico turco: non ne è stato fatto il nome, ma si tratterebbe del vice console. L’orario è quello del pranzo, la zona i quartieri nuovi della capitale, palazzi in vetro e sprazzi di verde, che negli ultimi anni ha visto un boom di speculazione edilizia in stile Dubai: il ristorante HuQQabaz è lungo Airport Road, tra Dream City ed Empire, una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.