closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Firenze, licenziati i due carabinieri accusati di stupro

Giustizia. Prima ancora dell'udienza per l'eventuale rinvio a giudizio del tribunale militare e di quello civile, l’Arma destituisce i due accusati. Decisione senza precedenti ma nel codice militare la violenza sessuale non è reato

Carabinieri a Firenze

Carabinieri a Firenze

Licenziati, ancor prima di essere giudicati da qualsiasi tribunale. A pochi giorni dall’udienza preliminare del tribunale militare di Roma prevista per il 30 maggio, e mentre si attende che la procura ordinaria di Firenze depositi davanti al Gip la richiesta di rinvio a giudizio, dopo aver chiuso l’inchiesta il 14 marzo scorso, L’Arma - a conclusione di un’indagine disciplinare interna - ha deciso di destituire i due carabinieri accusati da due studentesse statunitensi di averle violentate, nella notte tra il 6 e il 7 settembre scorsi. Una decisione con pochi precedenti, anche a memoria di chi, come Luca Marco Comellini...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.