closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Emiliani: «Da romanista, quel progetto è tutto sbagliato»

Intervista . Per Vittorio Emiliani: è troppo oneroso per il Comune quanto a spese per opere e servizi di urbanizzazione, una follia dal punto di vista della viabilità ma soprattutto quell’area è alluvionale

Vittorio Emiliani

Vittorio Emiliani

«Premetto che sono romanista». Inizia così Vittorio Emiliani, che nelle sue molte vite, molte opere, molte cariche oggi conserva quella di presidente del «Comitato per la Bellezza». L’argomento - lo stadio della Roma - è inframezzato da aneddoti a non finire sulla città Eterna e divagazioni sulla sua storia. Ma così si riesce ad affrontare l’argomento al di fuori dallo psicodramma politico che si sta dipanando in Campidoglio. Lo stadio della Roma è un bisogno della città? Lo stadio Olimpico è nato per l’atletica e non va granché bene per il calcio. Lo stadio Flaminio non è restaurabile se non...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi