closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Tragedia dei migranti soffocati nella stiva

Strage infinita. Trenta migranti, deceduti per asfissia, sono stati trovati dai soccorritori della Marina militare su un barcone che trasportava 600 persone al largo delle coste siciliane. Il comune di Pozzallo lancia l’allarme: non abbiamo spazio nelle celle frigorifere. Un pessimo inizio per il semestre di presidenza europea. Ieri Renzi ne ha discusso in un vertice prima del consiglio dei ministri. Ma in Italia il dibattito ruota intorno all'ennesima sparata del leghista Matteo Salvini nell'assordante silenzio delle massime cariche dello Stato

Operazioni di soccorso nel Canale di Sicilia

Operazioni di soccorso nel Canale di Sicilia

Trenta morti. Il semestre di presidenza europea dell’Italia è iniziato con l’ennesima strage di migranti nel canale di Sicilia. E forse ha ragione Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento e responsabile migrazioni della Cei, quando dice che sarebbe un miracolo se le cose migliorassero nei prossimi sei mesi. Nonostante le promesse e l’ottimismo di Matteo Renzi - ieri ha ritardato il consiglio dei ministri per discutere della situazione - l’Ue finora non ha mosso un dito. Solo qualche timida parola della commissaria Cecilia Malmström e l’ennesimo elenco di buoni propositi, compreso quello del futuro presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi