closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Direzione apartheid

La strada «dell’apartheid», la Road 4370, divisa a metà da un muro

La strada «dell’apartheid», la Road 4370, divisa a metà da un muro

Non è facile entrare sulla route 4370 arrivando dal centro di Gerusalemme. A nord-est, dopo l’insediamento israeliano della Collina Francese, si gira in direzione di Gerico. Lasciati sulla sinistra gli edifici di ogni dimensione, cresciuti uno sopra l’altro, del campo profughi palestinese di Shuaffat, si prende l’uscita di a-Tur. Infine seguendo strade quasi prive di segnaletica si giunge a un varco nel muro di cemento armato costruito da Israele intorno a Gerusalemme, inclusa la sua parte Est, araba, occupata nel 1967. Una grande porta scorrevole di metallo, aperta a chi viene da Gerusalemme e chiusa per chi vive nella Cisgiordania...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi