closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Direzione apartheid

La strada «dell’apartheid», la Road 4370, divisa a metà da un muro

La strada «dell’apartheid», la Road 4370, divisa a metà da un muro

Non è facile entrare sulla route 4370 arrivando dal centro di Gerusalemme. A nord-est, dopo l’insediamento israeliano della Collina Francese, si gira in direzione di Gerico. Lasciati sulla sinistra gli edifici di ogni dimensione, cresciuti uno sopra l’altro, del campo profughi palestinese di Shuaffat, si prende l’uscita di a-Tur. Infine seguendo strade quasi prive di segnaletica si giunge a un varco nel muro di cemento armato costruito da Israele intorno a Gerusalemme, inclusa la sua parte Est, araba, occupata nel 1967. Una grande porta scorrevole di metallo, aperta a chi viene da Gerusalemme e chiusa per chi vive nella Cisgiordania...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.