closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Dalla Bielorussa alla Germania i migranti nel corridoio della paura

Confini . L'invasione inesistente tra poliziotti e ronde neonazi. Nel Brandeburgo il malessere dei residenti per la frontiera blindata da Seehofer

Confine tra Polonia e Germania

Confine tra Polonia e Germania

Spinti da Minsk e respinti da Berlino. In balìa di ciò che accade sulla linea di frontiera che divide la Germania dalla Polonia, tra i boschi del Brandeburgo e il fiume Oder, dove se va bene si viene fermati dall’esercito di poliziotti inviato dal ministro dell’Interno, Horst Seehofer, e se va male ci si rompe la testa sulle spranghe dei neonazisti a caccia di stranieri. Per i migranti la via di fuga che parte dalla Bielorussia e finisce a 100 chilometri da Berlino è il corridoio della paura, esattamente come nei Balcani. Con la differenza che la guerra ai profughi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.