closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

«Contro il nazionalismo vaccinale dei paesi ricchi»

Virus capitale. Al forum di Davos la critica del Sudafrica: «Derogare ai brevetti e ai diritti di proprietà». Merkel ha ribadito la sua scommessa sull'Italia nel giorno delle dimissioni di Conte: «Per il G20 di quest'anno l'Italia ha un ruolo cruciale». Pubblicate le stime dell’Fmi: per l'Italia taglio della crescita nel 2021, la ripresa è a rischio. In prospettiva, nel paese più malmesso nel G7 si prospetta una crisi di sistema

Johannesburg, graffito a Soweto, Sudafrica

Johannesburg, graffito a Soweto, Sudafrica

Al forum di Davos che si sta svolgendo online ieri il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha accusato i paesi ricchi di praticare un «nazionalismo vaccinale», perché si sono accaparrati la maggior parte dei vaccini contro il covid-19. «I paesi ricchi del mondo hanno acquistato grandi quantitativi di vaccini. Alcuni ne hanno comprato quattro volte in più della loro popolazione» - ha detto Ramaphosa nel suo intervento - Non potremo essere sicuri se alcuni paesi vaccineranno i loro cittadini e altri no. Dobbiamo tutti combattere assieme contro il virus». Ramaphosa ha esortato a condividere il surplus delle dosi accumulate in un’ottica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.