closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Avanti col «Progetto Faro», grazie anche al manifesto e al Premio Ferrari

Care compagne e cari compagni della redazione de il manifesto, la decisione di utilizzare parte del premio che anche quest’anno la Giuria del premio indetto dalle Cantine Ferrari ha voluto attribuire al manifesto per la copertina con la foto di Ayan Kurdi trovato morto sulla spiaggia di Bodrum nel settembre dello scorso anno, per sostenere i progetti della nostra organizzazione in favore dei minori stranieri non accompagnati che sbarcano in Sicilia, ci ha molto colpito e vogliamo ringraziarvi.

Il «progetto Faro», che sarà il beneficiario di questa importante donazione, si propone l’aiuto psicologico a quei minori che hanno subito traumi nella loro lunga odissea per giungere finalmente sulle coste dell’Europa.

Le vicende di questi minori rispecchiano e amplificano, come in uno specchio deformante, le vicende comuni a quasi tutti i migranti: storie di violenza, soprusi, violazione dei più elementari diritti umani. Ma, nel caso dei minori, esiste una componente che spesso viene sottovalutata: da come accoglieremo questi ragazzi e queste ragazze costruiremo una modello di Europa basato sull’inclusione, il rispetto delle identità culturali, dei Diritti umani fondamentali o, al contrario, un continente che esclude prima quelli che bussano alle sue porte e poi, via via, tutti gli altri che richiedono il rispetto dei diritti di cittadinanza anche al suo interno.

Ma c’è di più.

Da come ascolteremo le loro storie, da come riusciremo a tirarli fuori dalle tragedie immani che molti di loro hanno vissuto, formeremo una memoria dell’accoglienza che resterà impressa nella loro formazione e, un domani, quando molti di loro saranno cittadini di uno qualunque degli Stati che oggi compongono l’Unione, farà la differenza nelle scelte, sul da che parte stare, se contribuire o meno alla creazione di quel melting pot che rappresenta la vera ricchezza dei fenomeni migratori o, invece, lasciarsi sedurre dalle lusinghe del fondamentalismi, religiosi o politici.

Infine, ci tengo a dirlo perché mi sembra in grande coerenza con la scelta che avete fatto, il «progetto Faro» è totalmente auto finanziato. Questo ci consente di operare nel pieno rispetto della nostra autonomia senza quei compromessi che, spesso, inficiano la riuscita stessa di un intervento così delicato come il nostro.

Ancora grazie, a voi e al gruppo Lunelli.

Raffaele K. Salinari è presidente Terre des Hommes

Abbonati
Abbonati

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.