closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Argentina, un tetto ai prezzi e boom delle mense popolari

Reportage. Legislative in vista, il governo di Alberto Fernández prova a correre ai ripari di fronte a una crisi economica sempre più drammatica. Ma non basta: inflazione destinata a superare il 50%. In 350 mila a Buenos Aires sopravvivono grazie ai "comedores populares". Ma le associazioni denunciano: razioni sempre più povere

In un supermercato di Buenos Aires

In un supermercato di Buenos Aires

A meno di una settimana dalle elezioni legislative in Argentina, il governo di Alberto Fernández si avvicina al voto con l’obiettivo di ribaltare il risultato ottenuto alle primarie del 12 settembre nelle quali, rispetto alle elezioni del 2019, ha perso 4 milioni di voti. Con un’inflazione che lo stesso governo stima supererà il 50% entro fine anno e quasi 12 milioni di argentini sotto la soglia di povertà, il Frente de Todos in questa seconda parte di campagna ha puntato il dito contro i produttori di alimenti ed è nuovamente intervenuto fissando un tetto massimo ai prezzi. In questo contesto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.