closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Altri 45 giorni in cella per Zaki. Il Cairo al lavoro per peggiorare la legge anti-terrorismo

Egitto. Lo studente dell'Università di Bologna si è visto prolungare ancora la detenzione cautelare. La protesta in Italia. Intanto il regime pensa a nuove modifiche della famigerata normativa che ha permesso l'incarcerazione di migliaia di prigionieri politici: nel mirino ci sono le sedi e le case di ong, attivisti e oppositori

Una manifestazione a Bologna per la liberazione di Patrick Zaki

Una manifestazione a Bologna per la liberazione di Patrick Zaki

«La detenzione di Patrick si rinnova per altri 45 giorni e la visita di sua madre a lui oggi è stata agrodolce». Così la pagina Facebook "Patrick Libero" ha comunicato l’esito dell’udienza di domenica per il giovane studente egiziano dell’Università di Bologna. Zaki è ormai detenuto in custodia cautelare da 13 mesi con le accuse di diffusione di notizie false, istigazione alla protesta e propaganda sovversiva. Non si è ancora andati a processo. Ieri Zaki ha ricevuto la visita della madre nel carcere di Tora (dove sono detenuti migliaia di prigionieri politici in condizioni disumane). Le ha chiesto delle condizioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi