closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Unioni civili, alla crociata senza croce

Dopo l'approvazione. Il centrodestra che fu si compatta sul referendum. «Avvenire» lo boccia: è inutile. Renzi: «Ho giurato sulla Costituzione, non sul Vangelo». Ma frena sulle adozioni. Boeri: reversibilità sostenibile

Matteo Renzi ieri nello studio di Porta a Porta

Matteo Renzi ieri nello studio di Porta a Porta

Il centrodestra dei bei tempi sembra esserci tutto. I forzisti come Malan e Gasparri. I fuggiaschi come Sacconi. Gli ex alfaniani come Quagliariello e Giovanardi. I leghisti come Centinaio. I Fratelli di sorella Giorgia come Rampelli. I fittiani come Bruni. Tutti schierati per annunciare che se il capo dello Stato firmerà la legge sulle unioni civili, periodo ipotetico della certezza, lanceranno il referendum abrogativo. A capitanarli Eugenia Roccella, già portavoce del primo e glorioso Family Day. Solo che tanta compattezza è posticcia. I convenuti, si sa, sono particolarmente motivati ma lo stato maggiore forzista, ex Cavaliere incluso, è molto più...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi