closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Venezuela, l’assoluto Capriles

Elezioni. In Venezuela il chavismo fa i conti con la dura sconfitta elettorale, dopo 17 anni di governo e 19 elezioni: non tanto per i voti complessivi (5,5 milioni) ma per il numero di deputati persi anche nei tradizionali bastioni. Il parlamento, in funzione per 5 anni dal prossimo 5 gennaio, ha 167 deputati. I nuovi numeri consentono alle destre di prendere, per maggioranza qualificata, decisioni che possono stravolgere il quadro giuridico del paese. Le Forze armate restano fedeli alla Costituzione

Caracas, ascoltando il leader della Mud  Henrique Capriles

Caracas, ascoltando il leader della Mud Henrique Capriles

Niente masochismi, ma una revisione profonda. In Venezuela, il chavismo fa i conti con la sconfitta elettorale. Dopo 17 anni di governo basato su un ampio consenso e 19 elezioni (una sola delle quali persa di misura – il referendum costituzionale del 2007 -), la ventesima (le parlamentari del 6 dicembre) è andata malissimo: non tanto in termini di voti complessivi (5,5 milioni), quanto per numero di deputati persi anche nei tradizionali bastioni. Il parlamento che entra in funzione con un mandato di 5 anni il prossimo 5 gennaio, ha 167 deputati, 164 per le entità federali e 3 per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi