closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Uno scambio miserabile

Lo scambio. Niente di umanitario. Occhi chiusi sul destino dei profughi

Bruxelles, il tavolo negoziale tra Unione europea e Turchia

Sull’accordo di ieri tra Consiglio d’Europa e Turchia bisogna reprimere un senso opprimente di vergogna. I 28 statisti che governano questo continente di 506 milioni di abitanti hanno negoziato con Davutoglu (cioè con il suo padrone Erdogan) il seguente accordo: l’Europa accetterà 72.000 profughi e ne rimanderà altrettanti dalla Grecia in Turchia. In cambio Ankara ottiene per il momento 3 milioni di Euro per progetti sui migranti (i termini qui sono vaghi per occultare le promesse europee di altro denaro), l’avvio della procedura di ammissione della Turchia alla Ue e una facilitazione, anch’essa vaga, dei visti d’ingresso dei cittadini turchi in Europa.

Davotoglu ha avuto la faccia tosta di definire questo accordo non un mercanteggiamento ma una questione di «valori». Certo, basta dividere i 3 miliardi ottenuti dalla Turchia per 72.000 e otteniamo poco più di 40.000 euro a persona. Ecco il valore di migranti e profughi per Ankara. E che cosa ne faranno Erdogan e Davutoglu del gruzzoletto? Pasti caldi e comodi alloggi per tutti o magari, con i quattrini risparmiati sui rifugiati, un po’ di armi e di bombe? Bisognerà chiederlo ai curdi.
Ma accusare la sola Turchia di speculare sull’umanità alla deriva tra Egeo e Macedonia sarebbe ingiusto. Perché i veri mercanti di uomini sono gli stati europei. Come ha scritto ieri la Tageszeitung, 72.000 sono solo gli stranieri arrivati in un anno a Berlino. Una cifra irrisoria se proiettata sull’intero continente. Un numero che non risolve nulla, che lascia le cose come stanno e che serve solo ad alleggerire il peso dell’accoglienza che si è scaricato negli ultimi mesi sulla Grecia. Ora, orde di funzionari, poliziotti e guardie di confine europee invaderanno le isole dell’Egeo per “selezionare” gli stranieri buoni da quelli “illegali”. Per uno che entra, uno deve uscire. È la roulette russa del profugo.

L’ipocrisia europea ha toccato in questo caso cime abissali. Poiché una recente sentenza della Corte di giustizia prescrive che un profugo possa essere espulso in uno stato terzo solo se questo è “sicuro”.

Paese “sicuro”, cioè non specializzato in torture, ecco che alla Grecia basterà riconoscere alla Turchia questa qualifica e, voilà, i giochi sono fatti. La Turchia uno stato “sicuro”? Quella che rade al suolo le sue città abitate dai curdi? Quella che manganella manifestanti a tutto spiano? Quella che chiude i giornali non allineati al regime di Erdogan?

L’accordo di ieri non ha nulla a che fare con l’umanità, di cui ha parlato qualche tempo fa Frau Merkel. È la risposta miserabile della Ue alle paranoie di Hollande, all’eccezionalismo high brow di Cameron, alle pretese fascistizzanti di Orban, del governo ultra-reazionario di Varsavia, dell’estrema destra tedesca e di tutti gli altri cultori del filo spinato. E anche delle istituzioni finanziarie che ora, se l’emergenza di Idomeni finirà, potranno dedicarsi a spennare ancora un po’ Atene. E probabilmente della Nato, di cui la Turchia è membro irrinunciabile.

Che fine faranno i 72.000 rimandati in Turchia e tutti gli altri che dovevano essere ricollocati da mesi e vagano tra Sicilia, Calais e chissà dove? Che ne sarà di quelli che arriveranno ora, con la stagione calda, e che sicuramente la Turchia farà passare per spillare ancora quattrini agli europei? Renzi ha dichiarato che la questione dei migranti si risolve in Africa. Bisognerà dirlo agli afghani, agli iracheni e a tutti gli altri che non sono africani, non sono riconosciuti come profughi ed errano in quell’enorme campo minato che si stende tra Istanbul e Kabul, passando per Damasco e Baghdad. Con l’accordo di ieri l’Europa ha chiuso gli occhi sul loro destino.

Sì, c’è da vergognarsi di avere il passaporto dell’Unione europea.

  • Roberto Bisanti

    Questa volta perfettamente d’accordo. Ieri la UE è morta come nel 1938 a Monaco morì la Società delle Nazioni, come allora con ignavia e ipocrisia le classi dirigenti di questo continente hanno venduto la dignità e l’onore dei loro popoli in cambio di una facile quieto vivere che proprio come allora si dimostrerà un effimero nascondere la testa soto la sabbia. Saluti

  • Paolo Camaioni

    Io sono un estremista. Ma comunque è evidente constatare come nell’europa dell’alta finanza, manca totalmente una cultura anche minimamente di sinistra. Oramai le politiche virano tutte inesorabilmente a destra. Non si può trattare con il nazi-fascista erdogan, sterminatore di Curdi, addirittura investirlo con il ruolo di “guardia”! Del resto Hollande, Merkel, e soprattutto Renzi, che ha portato il triste carrozzone pd ad essere la più larga espressione della tradizione neo-post fascista. RESISTENZA

  • Mario Rossi

    a qualcuno sfugge una” reazione di ritorno”I militanti dell’ISIS,i salafiti che da ogni regione del mondo adesso si sentono loro stessi vittime sacrificali dell’imperialismo,i cui fini a loro sono sempre sfuggiti,quanto apparivano chiari invece ai loro califfi arabi e americani,cosa pensate possono fare ?Riciclarsi presso le opere di Maria addolorata?Non credo proprio.Sara la Turchia a pagare il prezzo più alto ,o meglio i poveri turchi che si troveranno sempre nel posto sbagliato al momento sbagliato….

  • Alberto Aimi

    Le faccio notare che il Consiglio d’Europa, nonostante il nome, NON è un organo dell’Unione Europea e non c’entra nulla con quest’ultima. La invito caldamente a studiare (o almeno a cercare su Wikipedia), prima di scrivere di Europa. Cordiali saluti.