closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Una manovra diversiva

Conti pubblici. Il governo approva il Def e la correzione da 3,4 miliardi, «salvo intese». Per cifre e dettagli Gentiloni e Padoan rinviano a oggi

Delrio, Padoan, Gentiloni e Boschi in conferenza stampa dopo l'approvazione del Def

Delrio, Padoan, Gentiloni e Boschi in conferenza stampa dopo l'approvazione del Def

«Abbiamo approvato il Def con la correzione di bilancio. Abbiamo conti in ordine senza aumentare le tasse». Appena due ore di consiglio dei ministri, e alla fine Gentiloni tripudia. La previsione di crescita per quest’anno è migliorata, dall’1 all’1,1%: scarsa e un po’ azzardata. Per i prossimi anni, invece, la previsione è al ribasso: dall’1,3 all’1% nel 2018, dall’1,2 all’1% nel 2019. Colpa dei parametri europei, spiega il ministro dell’Economia, poi però, nel 2020, «ci sarà un’impennata verso l’alto». Il rapporto deficit/Pil per il 2018 è fissato all’1,2% dall’attuale 2,1% (dopo la manovra correttiva). Significa far scattare le clausole di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.