closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Una brutta giornata per il clima. E per la pace

G7. La linea sull'energia sancita dal documento «America First» è chiara: share oil e shale gas americano prima di tutto, recuperare i posti di lavoro persi dal settore del carbone, rilanciare il nucleare

La mancata firma statunitense al G7 energia sul l'impegno a realizzare l'Accordo di Parigi sul clima, che invece rimane forte e deciso per gli altri membri e per la Ue, conferma la linea negazionista dell'amministrazione Trump. Del resto, la linea sull'energia sancita dal documento «America First» è chiara: share oil e shale gas americano prima di tutto, recuperare i posti di lavoro persi dal settore del carbone, rilanciare il nucleare. Questa linea, però, incontra non poche difficoltà, per varie ragioni. Sul nucleare, il fallimento della Westinghouse/Toshiba mette a serio rischio il futuro del reattore AP1000, che da anni rappresenta la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi