closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Un 8 marzo in sciopero. Femminista

Zona fucsia. Manifestazioni in tutta Italia per celebrare le lotte delle donne in difesa del lavoro, per un reddito europeo e un welfare «che non sia familistico»

Dopo mesi in cui il lavoro delle donne, dentro e fuori casa, è stato definito «essenziale», Non Una di Meno ha risposto ieri che «essenziale è la nostra lotta». Centinaia di striscioni con questa frase hanno occupato piazze e strade di tutt’Italia per lo sciopero femminista e transfemminista organizzato in occasione dell’8 marzo: uno sciopero generale della produzione e della riproduzione, del consumo e dai ruoli sociali imposti dai generi. Uno sciopero che ha coinvolto anche le figure non riconosciute del lavoro, chi con la pandemia ha perso ogni forma di reddito e le persone migranti che con il lavoro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi