closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Sulcis, lotta operaia underground

Sardegna . Viaggio nella provincia più povera d’Europa con Marco Grecu, figura storica del sindacalismo. Tra le voci dure delle band Golasecca e Intreccio: il rock metalmeccanico della zona di Portovesme dove gli operai dell’Alcoa sono tornati a presidiare la fabbrica

Campopisano, Rockbus a presidio della Rockwool

Campopisano, Rockbus a presidio della Rockwool

Il nostro giro in macchina inizia di mattino presto da Piazza Roma, che è il centro della città, dove c’è la statua di Pomodoro e la Torre littoria con la finestra, ora murata, da dove si sporgeva per parlare tronfio e impettito il duce: divide in due la cittadella operaia di Carbonia dalla zona più residenziale dei dirigenti con le villette, una netta cesura urbanistica di classe. Quando arriviamo nei pressi della Grande miniera, Marco Grecu, sindacalista storico di queste parti e una delle scatole nere del Sulcis, figlio di minatore anche lui, mentre lavora di sterzo, rallenta l’andatura della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi