closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Strage in Myanmar, 40 morti. I golpisti: «Può succedere»

Non si fermano gli affari militari. Documentata dalla Bbc, sarebbe avvenuta in quattro villaggi diversi lo scorso luglio

Una protesta ieri a Yangoon in favore di Aung San Suu-Kyi

Una protesta ieri a Yangoon in favore di Aung San Suu-Kyi

Dieci vittime – 20 secondo altre fonti – è il bilancio dell’ultimo raid condotto dalle forze armate birmane in un villaggio della regione di Magway venerdì scorso. Lo denuncia la stampa locale. Ma un’altra strage – avvenuta in luglio – è stata invece resa nota ieri dalla Bbc dopo una lunga inchiesta nella regione di Sagaing. Si tratta di una quarantina di vittime, alcune delle quali torturate a morte, in episodi avvenuti in diversi villaggi. I corpi, in molti casi, sono stati dati alle fiamme. Gli omicidi documentati dall’emittente britannica sono avvenuti in quattro distinti incidenti a Kani Township, roccaforte...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.