closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Spotify si mette in ascolto per profilare meglio

Piattaforme. L’idea è questa: Spotify dovrebbe realizzare un sistema grazie al quale capta la voce di chi sta ascoltando la musica ed “i suoni ambientali” di ciò che lo circonda

Smartphone

Smartphone

Mettere a profitto l’umore. Dopo le scelte, le preferenze, le foto, le opinioni che si esprimono con un click e che da anni sono diventate le miniere delle Big Tech, sembra sia arrivato il momento di estrarre ricchezza anche dal “come ci si sente”. Ricchezza e potere di controllo sugli stati d’animo. Domanda ultra scontata a questo punto: fantascienza? Forse, per ora però c’è un brevetto. Richiesto due anni fa e concesso dall’apposito ufficio statunitense all’inizio di quest’anno. Un brevetto assegnato a Spotify, il gigante svedese che ormai detta legge nello streaming musicale. Il progetto - che probabilmente doveva restare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi