closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I missili di Trump sulla Siria, ribelli e jihadisti in estasi

Usa/Siria. Ma il raid può trasformarsi in un boomerang, senza spostare i rapporti di forza sul terreno. L’opposizione siriana spera che sia solo l’inizio. Assad: «Stupido gesto, reagiremo»

Il lancio dei Tomahawk dalla portaerei Usa

Il lancio dei Tomahawk dalla portaerei Usa

Ribelli e oppositori siriani sono in estasi per i 59 missili Tomahawk americani che ieri, prima dell'alba, hanno colpito la base aerea siriana di Shayrat, vicino Homs, da cui, secondo Washington, sarebbe decollato il cacciabombardiere siriano responsabile del presunto attacco chimico di martedì scorso nella provincia di Idlib. Anche i salafiti di Ahrar al Sham, alleati di al Qaeda, che puniscono a frustate chi segue «stili di vita» occidentali, ieri hanno inneggiato all'americano Donald Trump. Tutto va bene quando si tratta di abbattere il regime apostata di Bashar Assad. «Non basta attaccare una sola base militare, ci sono 26 basi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.