closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

I missili di Trump sulla Siria, ribelli e jihadisti in estasi

Usa/Siria. Ma il raid può trasformarsi in un boomerang, senza spostare i rapporti di forza sul terreno. L’opposizione siriana spera che sia solo l’inizio. Assad: «Stupido gesto, reagiremo»

Il lancio dei Tomahawk dalla portaerei Usa

Il lancio dei Tomahawk dalla portaerei Usa

Ribelli e oppositori siriani sono in estasi per i 59 missili Tomahawk americani che ieri, prima dell'alba, hanno colpito la base aerea siriana di Shayrat, vicino Homs, da cui, secondo Washington, sarebbe decollato il cacciabombardiere siriano responsabile del presunto attacco chimico di martedì scorso nella provincia di Idlib. Anche i salafiti di Ahrar al Sham, alleati di al Qaeda, che puniscono a frustate chi segue «stili di vita» occidentali, ieri hanno inneggiato all'americano Donald Trump. Tutto va bene quando si tratta di abbattere il regime apostata di Bashar Assad. «Non basta attaccare una sola base militare, ci sono 26 basi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi