closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Perché la working class ha votato per il Leave

C'era una volta l'Europa. Addebitare la Brexit al razzismo identitario dei nativi è una spiegazione del tutto parziale che lascia in ombra le condizioni di vita degli operai

Operai del Galles

Operai del Galles

Il tema che in questi giorni sta catalizzando l’interesse dell’opinione pubblica è il sostegno che la Brexit ha raccolto nella working class delle regioni storicamente pro-labour, il Nord dell’Inghilterra e il Galles. È molto di più che una questione accademica: è un tema politico destinato a interessare tutte le forze di sinistra e di centro-sinistra. La lettura dominante, caldeggiata dai “progressisti” (vedi Rob Ford sull’Observer del 27 giugno; Michele Serra su La Repubblica del 25 giugno), è di tipo socio-culturale e generazionale: l’elettore del Leave è anziano, conservatore, “rimasto indietro” rispetto alla svolta abbracciata negli ultimi trent’anni dai più giovani,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi