closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Monticelli sulla Canebière, con le sue tavolette brulicanti

Riscoperte nell'arte: Adolphe Monticelli. Venerato da van Gogh, anche moralmente, il pittore di Marsiglia, con i suoi materici "pots-pourris", il suo dipingere «gestuale», si avventurò su una terra di nessuno, in gara col fallimento...

Adolphe Monticelli,

Adolphe Monticelli, "Chevaux camarguais", part., collezione privata

[caption id="attachment_493297" align="alignnone" width="860"] Adolphe Monticelli verso il 1880, foto di Camille Brion, collezione privata[/caption]   «Viveva in una piccola stanza con un letto in un angolo, il cavalletto e due sedie. La luce veniva da una sola finestra drappeggiata con una tenda rossa. Tutto era illuminato di un color porpora che incantava il vecchio artista»: Adolphe Monticelli a Marsiglia, negli anni finali, in una delle rare testimonianze d’epoca (il pittore amico Paul Guigou). Non aveva un atelier, dipingeva in quella stanza e un giorno, al giovane collega Étienne Martin che lo accompagnava in un’escursione entusiasmandosi delle luci autunnali, esclamò...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi