closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

L’Euroconfusione sul Ceta

Stop Ceta. «L'accordo non combatte il protezionismo, protegge gli investimenti delle grandi imprese ma non i cittadini», ricorda Eleonora Forenza del Gue schierato sul fronte del No

Strasburgo, la protesta contro il Ceta davanti al parlamento europeo

Strasburgo, la protesta contro il Ceta davanti al parlamento europeo

«Per approvare il Ceta dovrete passare sopra di noi!». Con questo slogan qualche migliaio di attivisti arrivati a Strasburgo da tutta Europa, dalle prime ore della mattina di ieri si sono sdraiati intorno alla sede del Parlamento europeo bloccandone gli ingressi. Hanno costretto parlamentari e impiegati a scavalcarli per entrare nel palazzo, e dare il via alla seduta in cui, con 408 sì, 254 no e 33 astenuti, è stato approvato l’accordo di liberalizzazione commerciale tra Europa e Canada, il Ceta. Pacchi di firme dei 3milioni e mezzo di cittadini che hanno bocciato Ttip e Ceta vengono consegnate ai parlamentari....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi