closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Lena Waithe, una voce militante nella cultura pop

Intervista. Parla la sceneggiatrice e attrice, prima donna nera a vincere un Emmy per lo script di una commedia. Creatrice della serie «The Chi», attivista queer, nel coro di autori black emergenti si distingue per originalità

Produzione culturale di massa e Tv in particolare hanno da sempre svolto un ruolo di integrazione e assimilazione nella società multiculturale americana, veicolando il progresso sociale lungo le fratture storiche della società americana: classe, razza, gender. Nel momento dell’involuzione reazionaria trumpista, Tv e cinema sono fulcro di una resistenza che alle recrudescenze razziste e xenofobe oppone visibilità, diversità ed inclusione. Mentre le leve del potere produttivo – e del finanziamento - rimangono saldamente in mano all’establishment bianco e maschile, le serie registrano una proliferazione di personaggi femminili, gay e transgender e non gender-specific, che riflettono anche una maggiore presenza di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi