closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Legno birmano, le aziende italiane complici dei militari

Myanmar. Un report dell'Environmental investigation agency rivela che solo nei primi tre mesi successivi al golpe le importazioni di teak hanno raggiunto il valore di 1,5 milioni di euro

Alberi abbattuti a Chaung Gwet, ex foresta decimata dal disboscamento

Alberi abbattuti a Chaung Gwet, ex foresta decimata dal disboscamento

«Le aziende italiane, continuando a importare legno dal Myanmar, sfidano la legge sostenendo direttamente la giunta militare al potere e la sua brutale repressione del popolo birmano», denuncia Faith Doherty, responsabile del settore Foreste dell’Environmental investigation agency (Eia). In un rapporto costato 18 mesi di lavoro sotto copertura, come ha già dato conto il manifesto giovedì scorso, gli attivisti dell’ong britannica hanno «individuato 27 aziende che importano nell’Unione europea prodotti in teak (tectona grandis) dal Myanmar». NEL 2020, quindi prima del colpo di Stato, «l’Italia ha effettuato nell’Ue il 66% delle importazioni di legno birmano (…) per quasi 24 milioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.