closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Le speranze deluse sul lungomare di Gaza

Il reportage. Resta chiuso il valico di Rafah, ma gli abitanti di Gaza, a migliaia in attesa di passare in Egitto per studio, lavoro o per curarsi non possono che sperare che l’accordo Fatah-Hamas regga

È un pomeriggio tranquillo a Gaza city. Eppure le tensioni non mancano. Israele qualche giorno fa ha dichiarato «area militare» tutto il confine con questa parte del territorio palestinese. La distruzione da parte dell’esercito israeliano di un tunnel sotterraneo che da Gaza sbucava nei pressi del kibbutz di Kissufim, ha ucciso 14 palestinesi, quasi tutti militanti del Jihad islami, e l’ala armata dell’organizzazione, Saraya al Quds, minaccia di vendicare la loro morte e chiede la restituzione dei corpi di cinque delle vittime, ancora in mano a Israele. Il pericolo di una escalation è concreto ma gli abitanti di Gaza, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.