closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

La Corte di Strasburgo: «La tortura in Italia un problema strutturale»

Diritti umani. La Corte di Strasburgo condanna l’Italia per le violenze della Diaz. Censure pesanti contro stato e polizia: manca il reato specifico e l’identificativo degli agenti, le istituzioni coprirono i violenti

I giovani feriti portati fuori dalla Diaz

I giovani feriti portati fuori dalla Diaz

Il blitz alla Diaz durante il G8 di Genova deve essere qualificato come «tortura», alla polizia è stato consentito di non collaborare alle indagini e la reazione dello Stato italiano non è stata efficace violando l’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Lo ha stabilito la Corte europea di Strasburgo (Cedu) che ha accolto il ricorso di Arnaldo Cestaro, uno dei 92 manifestanti, picchiati e ingiustamente arrestati la notte del 21 luglio 2001. Cestaro, all’epoca 62 enne, uscì dalla scuola con fratture a braccia, gambe e costole che hanno richiesto numerosi interventi negli anni successivi. Una sentenza che pesa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi