closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

La saga di Kavanaugh finisce bene. Per Trump

Stati uniti. Vane le accuse di tentata violenza, via libera per la Corte suprema. Uno schiaffo alle donne Usa. Al Senato ranghi repubblicani serrati, finisce 50 a 48. Ma ora occhio al voto femminile tra 5 settimane

Washington, proteste e arresto di manifestanti donne contro la nomina di Brett Kavanaugh alla Corte suprema Usa

Washington, proteste e arresto di manifestanti donne contro la nomina di Brett Kavanaugh alla Corte suprema Usa

Brett Kavanaugh è sulla via per diventare un giudice della Corte Suprema, andando così a costituire una maggioranza conservatrice che influenzerà le svolte del Paese per una generazione. Si è arrivati a questo punto dopo che i repubblicani indecisi hanno serrato i ranghi in modo da assicurargli i voti sufficienti per la conferma, in quella che è una vittoria storica e costituirà la vera legacy della presidenza Trump. IL VOTO FINALE DEL SENATOè andato in scena alle 17 ora di Washington. Nessuna improbabile giravolta dell’ultimo momento, è finita 50 a 48: abbastanza senatori si sono impegnati a sostenerlo dopo una...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi