closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

La rivolta della Guyana

Francia/presidenziali. Il governo offre un miliardo di euro e chiede la fine della protesta, che dura da più di 15 giorni. Ma nel dipartimento d'oltremare la collera non si placa, guidata dai "500 fratelli".

A meno di tre settimane dal primo turno, la Guyana fa irruzione nella campagna. Ieri, il primo ministro Bernard Cazeneuve ha riunito il governo quasi al completo per trovare una risposta al “niet” che i “500 fratelli”, il gruppo dei leader della protesta nel dipartimento d’oltremare che si presentano con il volto coperto da un passamontagna nero, ha opposto alla proposta di Parigi per uscire dalla crisi che dura da due settimane: più di 1 miliardo di euro di investimenti pubblici – ospedali, scuole, strade, trasporti pubblici – e interventi per rispondere ai seri problemi di insicurezza (la protesta ha...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.