closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

La performance del docente automa. Basta barrare una «x»

Fate i cattivi. Il disastro professionale è compiuto con il pacchetto della riforma Renzi. L’umiliazione comincia con gli indicatori per sfociare in bonus e in una selva di quiz. La 107 è tagliata su misura per molti docenti italiani. Soprattutto, per chi si è fatto premiare grazie all’assenza di un vitale spirito critico

Alla fine è arrivata, la valutazione dei docenti garantita da Renzi all’Ue, ben confezionata nel pacchetto di controriforme riassunte alla Merckel in comode slide col logo Ferrari. In tutte le scuole d’Italia, a un anno esatto dall’entrata in vigore della 107, col solleone: una tabella a campi chiusi stile quiz Invalsi, ormai assurto a idealtipo ministeriale della valutazione. Seppure con formati diversi, l’insieme degli indicatori varia lungo un continuum che va dall’elenco dei titoli all’indicazione delle attività aggiuntive. Con qualche perla, tipo il dichiarato «impegno all’automiglioramento» (ma solo se barrato con una x, perché se ci si limita a perseguirlo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi