closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

La lingua straniera che è dentro di me

Editoria. Un incontro con Cheikh Tidiane Gaye e Pap Khouma, ospiti a Milano per Book Pride

Un’installazione nella mostra «Between the Covers: Altered Books in Contemporary Art», a Scranton

Un’installazione nella mostra «Between the Covers: Altered Books in Contemporary Art», a Scranton

Se il tema della terza edizione di Book Pride a Milano (24-26 marzo) è «Lo straniero», chi meglio di due autori senegalesi «naturalizzati lombardi» potrà illuminarci sull’importanza della scrittura per coloro che hanno scelto alla fine del secolo scorso, in tempi più o meno remoti e non sospetti, di lasciare la sua patria di origine e di abbracciarne un’altra, adottandone al contempo non senza riserve lingua, usi e abitudini? Di questo, e altro, Cheikh Tidiane Gaye e Pap Khouma dialogheranno infatti il 25 marzo ( alle ore 17) al Mudec di Milano, in un incontro dal titolo Letteratura migrante, a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi