closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

La finanza frena la transizione, mille miliardi di dollari d’investimenti nel fossile

Istituti di credito. La minaccia per le economie dietro la trasformazione degli attuali asset in titoli tossici

Se la Conferenza sul clima (CoP26) di Glasgow si fosse tenuta regolarmente nel 2020, la finanza globale sarebbe stata tra i principali imputati per la crisi climatica in corso. Ma lo è ancora, nonostante l’anno di bonus concesso dalla pandemia. Per questo motivo, attiviste e attivisti per la giustizia climatica hanno preso di mira con un’occupazione temporanea la “casa comune” della finanza italiana, Piazza Affari, dove sono anche quotati i campioni nostrani dell’industria fossile. Un bla bla bla di sottofondo – per riprendere le parole dell’attivista Greta Thunberg – fatto di impegni tardivi e inconsistenti, green bond emessi e sottoscritti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.