closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Juan Benet, la verità, mentre morivo

Scrittori spagnoli. Affidandosi a un narratore per nulla onnisciente, l'autore iberico invita il lettore a farsi detective, e si concede eccezionalmente a una scrittura accessibile: «L’aria di un crimine», da Einaudi

Francisco Bores, «Bores», 1961

Francisco Bores, «Bores», 1961

Alla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso la narrativa spagnola era dominata dal realismo sociale, spesso più attento alla dimensione della denuncia che alla qualità letteraria, come testimonia una produzione narrativa di considerevole abbondanza; alcuni autori, giovani e meno giovani, preferirono tuttavia non inscriversi a questa tendenza e diedero inizio a un rinnovamento destinato a dispiegarsi per intero nei decenni successivi. Juan Benet è stato fra questi, forse il più brillante e influente: ingegnere madrileno, oltre a progettare strade, dighe e ponti per il Ministero delle Opere Pubbliche coltivò una tenace vocazione letteraria, disegnando la propria rigorosa poetica nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi