closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Israele, Hezbollah e Siria. La guerra che verrà

Medio Oriente. Netanyahu accusa Bashar Assad di possedere armi chimiche e all'orizzonte si affaccia un nuovo conflitto tra lo Stato ebraico e Hezbollah che stavolta potrebbe coinvolgere la Siria

Il commento di Benyamin Netanyahu è stato immediato. «Israele condanna con forza l'uso di armi chimiche contro civili innocenti in Siria...Sono sconvolto e indignato. Ci appelliamo al mondo per tenere le armi chimiche fuori dalla Siria», ha detto il premier israeliano mentre su Damasco piovevano le critiche per il presunto bombardamento con armi chimiche nella provincia di Idlib, attribuito dall'opposizione alle forze governative siriane, in cui sarebbero morti decine di civili. Il ministro dell'istruzione israeliano, Naftali Bennett, ha chiesto una riunione del gabinetto di sicurezza per discutere di contromisure al (presunto) possesso di armi chimiche da parte di Damasco e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi