closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Iraq «etnicizzato», l’eredità dell’invasione Usa

Medio Oriente. Dietro l'organizzazione della visita nel paese di Papa Francesco c'è stato il lavoro del patriarca caldeo Louis Sako, simbolo di un Iraq devastato dalla guerra del 2003: prima un dittatore laico aveva garantito la convivenza etnica e confessionale. Come tutte le dittature andava combattuta, ma l’invasione non è stata e non poteva essere la soluzione

Papa Francesco a Najaf

Papa Francesco a Najaf

Il viaggio di Bergoglio in Iraq ha suscitato un unanime consenso. Per il coraggio nel visitare un paese tutt’altro che pacificato e teatro di sanguinosi conflitti da decenni, e per la speranza che dove non è arrivata la politica arrivi la religione. Certo, il valore simbolico di questa visita è enorme, non solo per i cristiani e cattolici come i caldei, ma anche per i musulmani e a questo, oltre che al dialogo interreligioso, è sicuramente servito l’incontro con l’ayatollah al Sistani. Un incontro di alto valore, visto che il leader sciita non si concede facilmente. Che però potrebbe aver...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi