closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

L’India regolarizza gli immigrati. Ma non quelli musulmani

Proteste in diverse città indiane. Oggi la camera alta deciderà se ratificare la legge proposta dai nazionalisti di Modi

Proteste degli studenti contro la proposta di Citizen Amendment Bill in India

Proteste degli studenti contro la proposta di Citizen Amendment Bill in India

Oggi in India la camera alta del parlamento è chiamata a ratificare il Citizen Amendment Bill (Cab), proposta di legge formulata dal partito nazionalista hindu Bharatiya Janata Party (Bjp) già passata alla camera bassa lunedì scorso. Se l’iter legislativo andrà a buon fine, il Cab garantirà una sorta di amnistia agli immigrati irregolari in territorio indiano provenienti da Afghanistan, Bangladesh e Pakistan, a patto che siano hindu, sikh, buddisti, cristiani, zoroastriani o giainisti. O meglio, appartenenti a qualsiasi religione che non sia l’Islam. Dettaglio che ha contribuito a soprannominare il disegno di legge come misura «anti-musulmana». CON LE MODIFICHE INTRODOTTE...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.