closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

In piena pandemia gli Usa legalizzano il permesso di spiare Internet senza limiti

Freedom Act. Nella proroga delle norme liberticide post-11 settembre del Patriot Act, i repubblicani infilano un emendamento che estende i poteri della Fbi su tutti i dati di navigazione on line, senza bisogno di autorizzazione. Nessun mandato, né di un giudice, né di una qualsiasi entità terza. Nessuno: gli investigatori potranno raccogliere tutta la cronologia dei siti, delle chat, delle call

Il capogruppo repubblicano in senato Mitch McConnell

Il capogruppo repubblicano in senato Mitch McConnell

Nato con le Torri Gemelle, diventa più feroce con la pandemia. Nato sfruttando un’emergenza, diventa ancora più liberticida sfruttando un’altra emergenza. Si parla del Freedom Act, quel complesso di norme che - cambiando ogni tanto intestazione - dal 2001 ha permesso agli Stati Uniti di spiare, in segreto, l’attività di tanti. Di chiunque. Compresi i leader di altri paesi, giornalisti, dirigenti politici. Attivisti. Ora però si è ad un passo dal rendere il tutto ancora più drammatico: perché quel “tutto” sarà legale. Sarà permesso dalla legge. I fatti: a marzo di quest’anno è scaduta la validità del Freedom Act, che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.