closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Il cuore di tenebra e l’orrore del profitto

COLONIALISMI. «Il crimine del Congo», di Arthur Conan Doyle per le edizioni Bordeaux. L’inchiesta-denuncia firmata dallo scrittore britannico nel 1909, ora in traduzione italiana. Dietro l’«odioso pretesto di filantropia», il feroce dominio privato di Leopoldo II del Belgio in Africa. I ricavi astronomici dell’impresa coloniale belga e il tasso dei suicidi tra i nativi. Con una stretta relazione esistente tra produzione e numero di cartucce utilizzate

La stazione dei treni di Kinshasa (Congo)

La stazione dei treni di Kinshasa (Congo)

Il «profondo rimpianto» espresso di recente da Filippo del Belgio per le vicende coloniali in Congo, è talmente tardivo (praticamente un inedito, dopo tutto questo tempo) e vago da meritarsi una pronta ritorsione sulle statue di Leopoldo II ancora in circolazione: da puntellare se necessario, avendo però cura di aggiungere in calce una sintesi delle gesta esemplari che hanno fatto passare alla storia il bisnonno dell’attuale sovrano belga. In modo da rilevare che «il giudizio sull’operato di Re Leopoldo rimane oggi del tutto negativo e il caso del Congo è uno dei più citati per condannare le atrocità e l’ingordigia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.