closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Harold Bloom contro il demone dell’ideologia applicata alla letteratura

La scomparsa dell'intellettuale. Se ne va a ottantanove anni il grandissimo esegeta del Canone Occidentale: Shakespeare il suo dio. Celebre il casus belli che proiettò il critico statunitense in quella che egli stesso avrebbe chiamato, con sagacia, la «Scuola del risentimento»

Harold Bloom

Harold Bloom

Dopo Northrop Frye, del quale assimilò, fino ad odiarla, la monumentale Anatomia della critica, Harold Bloom - scomparso nella notte di lunedì scorso a ottantanove anni, nella amata New Haven, sede dell’Università di Yale, sua alma mater - è stato fra gli ultimissimi grandi maestri della critica letteraria del secondo Novecento. Era nato a New York, da una madre originaria di un paese limitrofo a Brest Litovsk, e da un padre nato a Odessa, che lo educò all’ortodossia ebraica. In famiglia parlavano yiddish, Harold Bloom, il futuro custode del Canone Occidentale, imparò l’inglese non prima dei sei anni. ENCICLOPEDICO quanto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.