closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Grecia, governo nel caos per il caso Lignadis

Dal MeToo delle atlete alle nuove denunce. L’arresto per abusi su minori dell’ex uomo forte del teatro è un durissimo colpo al governo di destra di Kyriakos Mitsotakis

Dimitris Lignadis

Dimitris Lignadis

All’inizio è partita come una versione greca del #MeToo hollywoodiano. La campionessa olimpionica Sofia Bekatorou ha denunciato di essere stata vittima di ripetuti stupri da parte del responsabile della Federazione. Presto il suo esempio è stato seguito da molte altre atlete che avevano avuto la stessa sorte. Grande ammirazione per il coraggio delle donne, ma poca sostanza sul piano giuridico, visto che quasi tutti i crimini erano andati in prescrizione. Un’altra bomba è scoppiata poche settimane dopo, quando la palla passò dallo sport allo spettacolo: attori e registi famosi che esigevano prestazioni sessuali da chi voleva apparire in tv oppure...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi